PREALPINA OROBICA
 

350 km in 7 ore e mezza circa

 
 
 

 

Passo S. Marco, Val Taleggio, Prealpina Orobica, Valsassina, Valvarrone, Valtellina
 
 
        1)    BORMIO - MORBEGNO


90 km in 1 h 45 min circa

 

 
Si parte con la statale 38 fino a Morbegno (SO). E' un passaggio d'obbligo per avvicinarsi al “succo” del viaggio. Il tempo per percorrere questo tratto dipende molto dal traffico (al mattino non se ne può fare a meno...). Con pazienza si scalda il motore, si macinano i primi 100 km e ci si fa massaggiare dall'aria sulle gambe nei lunghi rettilinei del fondovalle valtellinese.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
        2)    MORBEGNO – PASSO S. MARCO – S. GIOVANNI BIANCO


60 km in 1 h 30 min circa

 

 

(E' necessaria anche meno di 1 ora e mezza per valicare il passo, ma la vocazione del viaggio è turistica..).

 

Si tratta di un misto veloce con rettilinei in salita che seguono il fianco della montagna fino alla sua sommità. Molto piacevole l'atmosfera, il paesaggio e la guida.

 

Passo S. Marco.

 

Forse è la direzione migliore per transitare questo valico: i tornanti (non tanti) si trovano tranquillamente nella discesa.

 

Arrivati nella Val Brembana c'è la scorrevole statale che con qualche galleria catapulta in una delle tapppe intermedie di questo viaggio: S. Giovanni Bianco (BG).

 

 

 

 

 

 

        3)    S. GIOVANNI BIANCO – CULMINE S. PIETRO – PRIMALUNA


40 km in 1 h circa

 

 

Direzione Val Taleggio.

 

Il contorno si fa particolare con pareti di roccia ai nostri fianchi. Uno spettacolo!!

 

Qualche chilometro e le montagne si svelano pronte per assetare il gusto dei nostri occhi.

 

Ecco l'inizio del protagonista del viaggio: il misto stretto. Chi ha la moto leggera e a passo corto canta la riscottosa vittoria!! Velocità media moderata e un continuo rimbalzo di pieghe su asfalti grezzi.

La via d'uscita non sembra arrivare in mezzo alle numerose piante di foglie... ma ecco che si arriva a Culmine S. Pietro. Sosta d'obbligo: sguardo sulla Valsassina e sulle montagne giovani attorno. Questo ambiente gode di una pace incontaminata indescrivibile. (Pausa rigenerante)

 

Il viaggio continua...

 

Si scende in Valsassina. Primaluna (LC).

 

 

 

        4)    PRIMALUNA - PAGNONA


20 km in 30 min circa

 

 

Si attraversa un piccola simil-pianura inaspettata e a Taceno (LC) si devia versa la salita che porta in Alta Valsassina.

 

Qualche curva e passaggi in mezzo a piccoli centri abitati.

 

Come un ferro di cavallo si valica il dorso della montagna, una discesa e poi un importante ponte che permette di approdare in Valvarrone: Premana (LC).

 

Una piccola sosta appena fuori rotta per un giro nel paese famoso soprattutto per i suoi pregiati coltelli (...sconsigliato quindi a chi può avere strani raptus di follia!!!...).

 

Si riprende la rotta...

 

 

 

 

 

 

 

        5)    PAGNONA – DERVIO


15 km in 30 min circa

 

 

Alla fine del paese di Pagnona ci si trova come sorpresa una carreggiata ancora più stretta, ancora più raggomitolata fra roccie e piante. Strada deserta perchè da “suicidio” in auto...(è a malapena una corsia..) …!!! Sensazione di pace e di scoperta al massimo!! Con tante roccie e piante il percorso è più all'ombra che al sole.

 

Vagando nel bosco senza né salite né discese.

 

Poi ci si abbassa di quota ed in zona di Vestreno (LC) è già possibile ammirare un ottimo panorama dall'alto sul lago di Como.

 

Si giunge così a Dervio (LC).

 

 

 

 

 

 

 

        6)    DERVIO - BORMIO


125 km in 2 h 20 min circa

 

 

Chi vuole può fare la strada SP72 che costeggia la parte alta del lago fino a Colico (LC).

 

Chi ha fretta o è già “sazio” può prendere la superstrada per cambiare ritmo e velocizzare il ritorno.

 

E' lunga e trafficata la statale 38, ma dopo tutte quelle pieghe a basse velocità, un po' di rettilineo stile “on the road” non guasta. Attenzione al traffico e agli autotreni.

 

A seconda del tempo a disposizione ci sono sempre le opzioni per le provinciali in risalita della Valtellina: Colico-Valeriana; Morbegno dir. Forcola; Bianzone dir. Stazzona; Tirano dir. Sernio.

 

Arrivo a Bormio.

 

 

 

 

 

 
Comments